Cose che sto imparando #10: Le questioni della cosmesi naturale

Quando si parla di cosmesi interamente naturale, si entra  in un terreno un po' "minato", nel senso che gli scenari di discussione e la consapevolezza necessaria per poter argomentare certe questioni richiede un certo studio, approfondimento e conoscenza.
Questo, per ora, è quello che ho imparato io, dopo anni in cui utilizzo prodotti interamente naturali e ho una certa curiosità e passione nello studiare questo settore.

Claudia Lami e Eva Casagli = Biofficina Toscana


"Scegli un lavoro che ami, e non lavorerai mai, neanche un giorno della tua vita". Confucio

Continuano le interviste della rubrica per conoscere non tanto "cosa", ma "chi" c'è dietro ad un'azienda.
Dopo Mary Nutricati di Lalei Cosmetica Perfetta, non potevo non intervistare due persone di quell'azienda che dagli inizi ha seguito il mio blog e di cui io ho apprezzato i prodotti ben prima che mi seguisse:-) Ecco a voi Biofficina Toscana o, come spesso vengono soprannominate, le Biofficine: Claudia Lami (Director Research & Development) e Eva Casagli (Director Marketing & Communication).
La particolarità di questa intervista è che è stata fatta separatamente, cioè senza che le due intervistate potessero conoscere le risposte l'una dell'altra, anche se poi ho scelto di impaginarle una sotto l'altra.
La cosa incredibile è  il fatto che spesso abbiano dato risposte simili: indica che fra loro c'è davvero un sentire comune, anche se si evincono personalità diverse :-) 
Mi piace molto lo spirito che c'è dietro le fondatrici di quest'azienda e del team che ne fa parte e anche l'eleganza con cui si pone sul mercato (una nota di merito anche a Nicola Filardi IT & Social Media Manager). 
Il loro entusiasmo e la loro passione è davvero contagiosa, oltre al fatto che è una di quelle aziende che regala sì prodotti alle blogger e youtuber, ma che ne accoglie anche le critiche, i pareri, i suggerimenti che possono farla crescere, anche solamente modificando il formato di una confezione. Non c'è poi soddisfazione più grande poi se i prodotti vengono ricomprati e diventano anche dei best seller fra i più venduti sui siti e nelle bioprofumerie....

I "trend" della cosmesi naturale: puntata 2

Tanto per continuare l'articolo semi-serio di quest'estate che vi suggerisco di leggere per non dover stare a tediarvi con la ripetizione di quanto detto in precedenza https://esidaruc.blogspot.it/2017/08/i-trend-della-cosmesi-naturale-puntata-1.html ecco altre tipologie che si aggiungono a quelle di cui ho già parlato ;-)


CAPELLI RICCI_ Organic Shop, Biomarina, Phitofilos, Biofficina Toscana, Natural Philosophy etc.



Solitamente non uso molti prodotti per i capelli, ma ultimamente mi sono ritrovata ad avere diverse confezioni aperte in contemporanea in casa e che sto pian piano finendo, senza voler acquistare altro. 
Per i capelli non ho avuto una routine costante, complice anche il fatto che, tranne a settembre, sono stata un po' nomade fra diverse case e tendenzialmente ho voluto terminare tutto quello che avevo acquistato o che mi era stato regalato nei mesi precedenti. Mettetevi comode e buona lettura!

Sieri viso: Q-Suprem Serum e Siero Riequilibrante



Da giugno a oggi ho avuto modo di provare due sieri di cui voglio parlarvi.
Trovo che su una pelle come la mia, in alcuni periodi dell'anno, ad esempio nei mesi più caldi, un siero sia l'ideale anche da solo perché dà soprattutto idratazione (in passato ho adorato il Siero all'Acido Ialuronico di Fantastika). 
Sono passati diversi anni da quando scrissi un articolo dedicato ai sieri provati: era il periodo in cui avevo la pelle decisamente asfittica (trovate sul mio blog una vasta "letteratura" riguardo a questo) e avevo molte meno conoscenze  e molte più aspettative rispetto al fatto che un prodotto da solo potesse risolvere più problematiche contemporaneamente e in poco tempo, quindi se leggerete quell'articolo, considerate questa premessa.
Resto dell'idea, però, che un siero sia una buona soluzione per chi  ha necessità  di"azzerare" e ridurre all'essenziale la propria skincare, dopo eccessi da atteggiamenti compulsivi.