Collezione "Essence de Provence" p/e 2018_Couleur Caramel

L'avete cominciata a vedere, passo dopo passo, sul mio profilo Instagram in diverse foto, mentre testavo i prodotti, ma eccovi ora un post sul blog per raccontarvi le mie impressioni più in dettaglio: sto parlando della collezione primavera/estate 2018 di Couleur Caramel che si chiama "Essence de Provence".


Ammetto che è un po' che non scrivo sul blog: IG è un piacevole vizio quotidiano (o quasi) che un po'  mi impigrisce e mi distoglie dal mettersi al pc a scrivere articoli. Mi rendo però conto che le persone che mi seguono da anni, in realtà, lo fanno proprio perché apprezzano i miei articoli: senza foto troppo glamourselfie in bella mostra, si fidano e affidano a ciò che scrivo, spendendo il loro tempo a leggerlo (grazie di cuore!). Anche alcune aziende probabilmente apprezzano questa peculiarità del mio essere "blogger", mia e del mio piccolo-grande seguito di affezionate: questo mi lusinga e mi fa apprezzare la loro politica di marketing, non tanto per l'omaggio in sé, ma perché vuol dire che scelgono con cura e attenzione a chi inviare i propri prodotti a scopo valutativo.
Sono contenta di avere avuto il privilegio di presentarvi una linea di cui non avete ancora gli occhi inondati di immagini su Instagram, come capita spesso al lancio di un prodotto postato a pioggia dalle blogger e che poi cade nel dimenticatoio.
Ringraziando quindi Hps Milano per la fiducia e per avermi inviato alcune referenze di questa collezione, vengo subito a parlarvi di questa linea.
Iniziamo con una breve nota introduttiva.
Per prima cosa debbo dirvi che la Provenza, alla quale si ispira questa collezione, è una bellissima regione del sud della Francia, scenario di film come "Un'ottima annata" di Ridley Scott, paesaggi immortalati da pittori come Van Gogh, Matisse, Chagall. Se farete le vacanze in luglio, mese in cui la lavanda è in fiore, vi suggerisco di decidere di passarle almeno una volta nella vita fra i campi e i paesini provenzali dove, fra l'altro, è possibile soggiornare in strutture di privati, le famose "Chambres d'hôtes", un sistema Airbnb antelitteram, pari (se non forse antesignano) di quello dei più conosciuti Bed and Breakfast anglosassoni. Da non perdere una visita all'abbazia di Senanque, il sentiero delle Ocre di Roussillon, Avignone durante il festival di teatro, tutta la zona di Luberon con i suoi borghi e campi di lavanda magari da attraversare in bicicletta.
I colori e i profumi di questa terra sono stupendi e mai ispirazione poteva essere più azzeccata per una collezione di makeup interamente naturale.

Questa di Couleur Caramel si compone di 18 nuovi prodotti:
- 3 rossetti
- 2 matite labbra
- 1 polvere compatta 2 in 1
- 1 blush multifunzione in stick
- 4 ombretti in crema
- 1 pennello
- 3 smalti
- 1 struccante in gel

Dall'azienda ho ricevuto, a scopo valutativo, le seguenti referenze:
- il gel struccante
- 1 smalto
- il blush in stick (twist & blush)
- 1 ombretto in crema

Ho pensato di scrivervi uno dei miei soliti "post riepilogativi", ma integrandoli con le foto che avevo messo su Instagram, così le avete tutte qui, assieme alle mie opinioni post-utilizzo, in un unico articolo. Comincio dal makeup...



TWIST & BLUSH è un blush in stick di cui mi sono innamorata a prima vista. Confesso che è il primo prodotto che possiedo di questa tipologia. Il packaging è delizioso, in cartone come è nello stile Couleur Caramel ma con quel fiore in verde, stampato sopra, che io trovo molto carino.
Il colore  del blush è un corallo molto delicato e discreto, "fa" davvero primavera.
L'applicazione sulle guance è facile e veloce. Io lo applico con le dita e mi piace come gesto da fare sul viso, picchiettando e sfumando il prodotto verso gli zigomi. Devo dire che temevo due cose: un prodotto che poi andasse in giro per la faccia durante il giorno, un prodotto che fosse troppo "ricco". Entrambi i miei timori hanno trovato una risposta diversa da quello che presagivo: questo blush ha una buona durata e non fa assolutamente lucidare le guance. Contenendo oli e burri, preferisco alternarlo a prodotti in polvere, per mio scrupolo,  ma, in realtà, non ho riscontrato alcune effetto collaterale, anche usandolo tutti i giorni per più giorni.

Ecco l'INCI:
squalane, cera alba (beeswax)*, silica, prunus amygdalus dulcis (sweet almond) oil*, butyrospermum parkii (shea) butter*, squalene, adansonia digitata (baobab) seed oil*, tocopherol, parfum (fragrance), mica, linalool [+/– may contain: CI 77891 (titanium dioxide), CI 77491 (iron oxides), CI 77492 (iron oxides), CI 75470 (carmine).
* ingredienti da agricoltura biologica


Ho provato ad utilizzarlo anche sulle palpebre mobili e lì, pur non avendo una palpebra oleosa, non credo vada bene per me, a meno che si possa utilizzare come una specie di "base" sulla quale "appoggiano" meglio certi prodotti in polvere come gli ombretti minerali....magari se volete suggerirmi degli utilizzi possibili anche per il makeup occhi, fatemelo sapere.



OMBRETTI IN CREMA. Devo dire che questi rappresentavano il prodotto che più mi incuriosiva di questa collezione. Sono usciti in 4 colorazioni: bronze, beige rosé, brun gris, violine. Tutti e quattro hanno l'aggettivo "nacré" che, in francese, vuol dire "perlaceo".
Questi ombretti in crema sono contenuti in un "vasettino" in vetro.  La confezione è carina perché è piccina e ricorda  quelle dei colori per dipingere, in cui intingere il pennello dosandone la giusta quantità, a seconda del tratto da dover usare. (forse preferirei una confezione diversa, come era quella degli ombretti liquidi, che permetteva di dosare il prodotto e tenerlo più protetto da possibili "contaminazioni" e dal contatto con l'aria).
Trovo sia un prodotto performante e utile quando si va di fretta.
Io ho ricevuto il colore "violine" (n.180) che è davvero intenso e adatto sicuramente a smokey eyes.
Per prelevare il prodotto occorre necessariamente un pennello (oppure si può intingere il dito nel tappino della confezione dove ne resta sempre un pochino in più), ma per applicarlo, secondo me, l'ombretto dà il meglio di sé con le dita facendo attenzione a sfumarlo all'angolo esterno dell'occhio.
Mi piace molto anche applicato con un pennellino angolato a mo' di eyeliner.
Da questo punto di vista, il pennello uscito con questa collezione (che non ho provato), che è doppio, con, da un lato, un pennello per l'applicazione prodotto e, dall'altro, uno angolato, è sicuramente utile.
Penso che d'estate, un po' perché si va in vacanza, un po' perché non si ha molta voglia di truccarsi, avere un prodotto multifunzione e di facile applicazione sia l'ideale. Quindi ben venga un ombretto in crema e un pennello doppio.

Mi piace postarvi gli swatches dei trucchi, perché, io stessa in prima persona li trovo utili quando acquisto online e quindi, più che vedere un prodotto da trucco indossato da un'altra persona (che ha colori e forme, delle labbra o degli occhi, diversi dai miei) -al di là del piacere di guardare la bellezza di ragazze di tutte le età o magari prendere spunto per un makeup completo- trovo più indicativo e utile vedere swatches sul dorso di una mano, come farei io stessa se avessi la possibilità di testare i prodotti dal vivo, come amo fare recandomi in bioprofumeria.
E infatti, alla fine, sono stata anche in bioprofumeria a provare anche gli altri prodotti e...ho fatto acquisti ;-)
Memore di quanto io abbia amato l'ombretto liquido n.183 "sable", sempre di Couleur Caramel, della collezione estiva Zanzibar Palace (che avete visto e stravisto nei miei post), è da tempo che cerco una sorta di "dupe" che me ne faccia sentire meno la mancanza. Quello era un prodotto molto versatile, ottimo anche come base per trucchi più complessi, stupendo da solo per tutti i giorni, in estate e non solo. Perciò, provato "violine", sono andata in bioprofumeria a swatchare anche gli altri colori e ho acquistato la colorazione "bronze nacré" (n.178) .
Come potete vedere da questa vecchia foto del n.183 della collezione estiva 2016 (che vi rimetto qui sotto, per praticità di confronto)



questo n.178 della collezione p/e 2018 è simile come colorazione. Ho ritrovato quell'effetto cangiante che mi piaceva tantissimo del n.183, anche se questo ombretto in crema è più "bronzo" rispetto all'altro (ma anche perché, essendo di una texture più densa, è come se rimanesse più pigmentato e più riflettente-specchiato. Sempre rispetto all'altro, questo forse è un pochino meno sobrio per il makeup di tutti i giorni (anche se d'estate si può osare di più). Devo dire però che mi sta piacendo già tanto adesso, quindi penso che mi piacerà ancora di più con l'abbronzatura.

Ecco l'INCI:
Aqua (Water) - Ricinus Communis (Castor) Seed Oil* - Helianthus Annuus
(Sunflower) Seed Oil - Polyglyceryl-6 Distearate - Glycerin** - Mica - Cetyl alcohol -
Sucrose Laurate - Benzyl Alcohol - Chondrus Crispus (Carrageenan) - Microcrystalline Cellulose - Sucrose Dilaurate - Xanthan gum - Tocopherol - Parfum (Fragrance) - Dehydroacetic Acid - Cellulose Gum - Cellulose.

20% del totale degli ingredienti proviene da agricoltura biologica
98% del totale degli ingredienti è di origine natural

Peccato che le collezioni di Couleur Caramel siano sempre in edizioni limitate perché, secondo me, questi ombretti in crema sarebbero un ottimo prodotto da inserire nella collezione permanente (come lo sarebbero stati quelli liquidi in quella confezione davvero comoda con l'applicatore-dosatore).
So che l'azienda "sorellina" di Couleur Caramel, Miss W, ha in gamma degli ombretti in crema, ma non li ho ancora mai provati e non so se siano analoghi a questi, e voi?

SMALTI sono usciti in tre colorazioni: rose foncé, lilais foncé, nude. (per chi non conosce il francese, "foncé" vuol dire "scuro"). Io ho ricevuto la colorazione "lilais foncé" che è un colore "lilla" simile alla lavanda ma non troppo viola (come invece ho visto nelle foto prodotto di alcuni e-commerce), anzi resta quella tonalità di lavanda fra il color glicine e il ciclamino, come potete vedere voi stesse.
Guardate come è bello in un mazzo di fresie come quelle in foto?
Non ho mai applicato sulle unghie una tonalità simile, non la possiedo neanche nei miei capi di abbigliamento primaverili, ma devo ammettere che lo sto indossando volentieri, è un colore simpatico per osare rispetto ai miei standard e resta comunque elegante e sobrio.  E' uno smalto molto denso quindi anche una sola applicazione (magari fissata con un top coat) è già sufficiente, ma con due passate rende al meglio e devo dire che dura davvero tanto, mi piace!

Con questi smalti, per chi le ama, sono uscite anche delle decalcomanie ad acqua per nail art.
Se volete un colore "bon ton",  optate per il nude, ma debbo dirvi che il rose foncé che ho visto dal vivo sembra davvero bellissimo...
Per corretta informazione, debbo dire che non esistono smalti "completamente naturali" quindi, al massimo, si possono trovare smalti senza alcune sostanze dannose (toluene, formaldeide, canfora, dbp, resina di formaldeide) come fa Couleur Caramel creando smalti con un buon inci.

Infine,  fra i 18 prodotti per il makeup di questa collezione p/e 2018 Essence de Provence, è uscita anche una referenza per la skincare:


GEL STRUCCANTE all'olio di mandorla dolce e di jojoba. Questo è un prodotto davvero unico nel suo genere, o almeno io finora non ne conoscevo di simili. Ha un texture , per così dire, "trasformista": si presenza come un gel, si trasforma in un olio, e poi si trasforma ulteriormente in un latte. Come? Da asciutto resta un gel, massaggiato diventa un olio, infine muta in un latte a contatto con l'acqua.
Nelle "stories" vi avevo fatto vedere in foto le tre "consistenze".
Ho provato ad usarlo sia facendo tutti i passaggi, sia saltando qualche passaggio.
In primis, sappiate che va applicato a mani e viso assolutamente asciutti.
Questo fa sì che è come se il gel si "attacchi" al trucco: è una sensazione che non a tutti può piacere, ma a me è piaciuta perché davvero particolare.
(Francamente. però, ho evitato di applicarlo per lo struccaggio occhi.)
Chi vuole, sempre a mani e viso assolutamente asciutti, può continuare a massaggiare il prodotto affinché si trasformi in olio. Ecco io, onestamente, ho preferito saltare questa fase o ridurla al minimo perché non mi piace la sensazione e poi non mi va di massaggiarmi in faccia un olio mescolato al trucco....questione di gusti!
Preferisco pertanto emulsionare quanto ho sul viso con le mani inumidite affinché il gel si trasformi in latte e infine asportare il tutto con una spugna di mare umida (la Fine Dama Lavata di Cose della Natura che è per me sempre fondamentale nel processo di detersione viso).
La fase "latte detergente", intendiamoci, non ha la consistenza di un latte cremoso, ma resta molto liquido, come un'acqua dal colore bianco (mi ricorda l'amido di riso).
Trovo comunque che sia piacevole. Ovviamente, una volta inumidite mani e viso, se vorrete dare una seconda passata di prodotto, potrete farlo solamente applicandolo come latte.
Sto usando questo gel struccante anche la mattina, con mani umide, così da applicarlo principalmente come un latte da asportare sempre con la spugna di mare.
E' un prodotto davvero unico nel suo genere, bisogna però avere qualche accortezza nell'utilizzarlo, bisogna  soprattutto fare attenzione a "con acqua" e senz'acqua" perché basta poco a trasformare la consistenza....
La confezione è con un tappo che purtroppo mi si è rotto e quindi, tenendola vicino al lavandino, un po' di acqua era entrata dentro trasformando in latte una prima parte del prodotto contenuto nel tubo! Per fortuna non si è trasformato un grande quantitativo e prontamente ho trasferito la confezione altrove. Forse, per un prodotto del genere, l'ideale sarebbe una confezione con un dosatore a pompetta...la lancio lì come idea ;-)
Questo gel va usato in piccole quantità, ne serve veramente pochissimo per ogni applicazione, quindi immagino che la confezione mi durerà ancora diversi mesi.
E' un prodotto molto delicato, lascia la pelle pulita e che non tira.

Ecco l'INCI:
Caprylic/capric triglyceride - Helianthus Annuus Seed Oil* - Glycerin - Centaurea cyanus flower water* - Olea Europaea (Olive) fruit oil* - Sucrose Laurate - Sucrose Palmitate - Simmondsia chinensis (Jojoba) seed oil* - Prunus amygdalus dulcis (Sweet almond) oil* - Tocopherol - Parfum (Fragrance) - Benzyl alcohol - Sucrose Dilaurate - Sucrose Dipalmitate - Sucrose Strearate - Sucrose Distearate - Dehydroacetic acid - Aqua (water)

20,8% d'ingredienti attivi
98,6% del totale degli ingredienti è di origine naturale

15,8 % del totale degli ingredienti proviene da agricoltura biologica

Per quanto riguarda i prezzi dei prodotti che ho citato, ho fatto una ricerca in rete.
Il gel struccante  €23,50 per 125ml
Lo smalto 9,95€ per 8ml
L'ombretto in crema da €16,20€ a €19,49 per 4ml
Il twist & blust va da €29,50 ai €37,49 per 4,5 gr

Oltre a queste referenze che ho provato, in questa collezione sono usciti anche altri prodotti che non ho provato:

- 1 polvere compatta 2 in 1
- 2 colori di matite labbra (rouge, bois de rose)
- 2 colori di matite occhi (vert, prune)
- 3 colori di rossetti (grenat clair, rouge, beige rosé foncé).

Ecco, vi confesso che ci sono un rossetto e una matita mi tentano...vi farò sapere :-)
Devo dire che mi sembra una collezione davvero ben riuscita!

Se volete leggere l'intervista a Francesco Maida di Hps Milano
https://esidaruc.blogspot.it/2017/12/francesco-maida-ovvero-hps-milano.html

Se volete leggere l'articolo sulla mia visita all'azienda
https://esidaruc.blogspot.it/2017/06/una-giornata-con-hps-milano.html

6 commenti

  1. Bella bella bella, incuriosita da quando ho letto l’articolo di Paola, questo è un ulteriore conferma che questa collezione solletica il mio gusto! Spero di trovarla ancora nella bioprofuneria vicino casa perché voglio il BLUSH è un ombretto in crema, preferisco il colore chiaro. Di struccanti adesso ne sono piena ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono data del tempo per testare bene i prodotti (come sempre faccio eh eh) e devo dire che sì meritano davvero ;-)

      Elimina
  2. Gli ombretti in crema mi attirano tantissimo, dovrò provarne almeno uno! Per quanto riguarda il gel struccante qualche anno fa avevo provato l'huile demaquillante di SoBio Etic ed aveva la stessa consistenza: gel inizialmente che poi si trasformava in olio con il massaggio per poi trasformarsi in latte con l'acqua. Mi ricordo che mi era piaciuto tanto. Buona giornata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo ne esistesse uno così della So Bio! Grazie per la segnalazione, buona giornata a te!

      Elimina
  3. Ciao! Di questo marchio ho sempre sentito parlare molto bene, ma alla fine non ho mai provato nulla! Post molto esaustivo, anche io la penso come te riguardo i prodotti multifunzione, in vacanza poi, evitano di caricarsi troppo!
    Ps. mi sono iscritta volentieri al tuo blog, quindi a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, benvenuta! Couleur Caramel fa prodotti davvero validi e performanti, infatti è un makeup biologico usato anche sui set cinematografici. Grazie per questo commento e per esserti iscritta al mio blog, a presto ;-)

      Elimina