A proposito di "burri di cacao" #3

Rieccomi a parlarvi dei "burri di cacao" che sto usando in questo periodo, diciamo da qualche mese a questa parte, alternati fra loro e di un nuovo utilizzo che ho scoperto in estate....Volete saperne di più?


Partiamo dall'ultimo arrivato. Una novità de I Provenzali, lo STICK LABBRA BIOLOGICO EFFETTO GLOSS all'OLIO DI ROSA MOSQUETA. Di questa linea sono usciti diversi prodotti e ho trovato una delle rare OVS ancora fornitissime di prodotti interamente naturali.
(Apro e chiudo parentesi: in questi magazzini  si trovano marche come Lavera, I Provenzali, Omia, BioQ, ma anche pennelli Ecotools e Real Tecniques), invece la maggior parte delle OVS hanno il reparto profumeria affidato alla catena Limoni e ora anche le Upim (sigh sigh, sob sob) che stavano rifornendo fino a giugno marche ecobio compresi gli assorbenti, stanno dando in gestione il reparto profumeria a Beauty Idea Bellezza che non mi piace per niente per la poca varietà di marche disponibili!)
Francamente speravo in un effetto gloss più marcato, mi ricorda come consistenza il balsamo labbra della VIVIVERDE COOP perché è molto, come dire, "pastoso" e si stende quasi a fatica,  però l'aroma è decisamente migliore (ricordo che a me quello della Viviverde non era tanto piaciuto, troverete recensione qui: http://esidaruc.blogspot.it/2015/06/a-proposito-di-burro-di-cacao-1.html). Questo stick contiente ovviamente olio di ricino al primo posto, al secondo un dimer dilinoleyl dimer dilinoleate che non conosco ma è comunque di derivazione vegetale, alcune cere fra cui la cera candelilla, burro di karité, olio di rosa mosqueta, estratto di carota etc. Nel balsamo labbra di Viviverde Coop invece l'inci è più semplice, c'è sempre olio di ricino e poi olio di germe di grano e di girasole e estratto di camomilla e anche un olio idrogenato.
Il balsamo de I Provenzali, rispetto a quello di Viviverde, è testato ai metalli pesanti, ma costa un po' di più (€3,50-3,99 contro i 2€-2,50€ dell'altro). Ecco a voi fatto anche il confronto fra questi due prodotti:-) Credo che questo stick  all'olio di rosa mosquesta sarà molto utile in inverno da tenere in borsetta.

Sempre de I Provenzali, in foto vedete lo STICK All'OLIO DI MANDORLE DOLCI e quello AL COCCO. Il primo è un prodotto che ricompro sovente, non perché mi faccia impazzire, ma perché ha un buon aroma, idrata per bene, è facilmente reperibile, è nichel tested. Ne avevo parlato anche  a proposito di altri burri di cacao che ho usato in passato: http://esidaruc.blogspot.it/2015/01/a-proposito-di-burri-di-cacao.html . Il secondo, invece, l'ho comprato a inizio estate perché mi piace l'aroma di cocco, ma è stato un po' una delusione: non so se perché ho trovato una confezione non valida. Mi spiego meglio: il prodotto ha fatto come tanti grumi che, a stendere il balsamo sulle labbra, "graffiano" un po'. E' strano perché, se fosse inverno, con il freddo, avrei capito di più il motivo di questa storta di "cristallizzazione" del prodotto...eppure dall'odore non mi sembra andato a male.
E' capitato anche a qualcuna di voi?

Infine, l'ultimo balsamo labbra in foto è lo STICK LABBRA AL COCCO di Legami. Di questa marca avevo provato anche altri tipi (eccoli: http://esidaruc.blogspot.it/2015/06/a-proposito-di-burro-di-cacao-1.html). Questi prodotti non hanno particolari certificazioni, non hanno nulla di bio, ma sono facilmente reperibili (da Upim, OVS e anche in librerie come Feltrinelli) e io mi ci sono trovata bene: anche se non sono particolarmente nutrienti se avete labbra screpolate, fanno comunque il loro quotidiano lavoro di idratazione. Il packaging poi è carinissimo e anche l'aroma.
Finora ho provato ciliegia, vaniglia e questo al cocco.
Il "sapore" di cocco non è molto evidente ma comunque è carino. La cosa, invece, che mi ha un po' disturbato,  rispetto agli altri, è che questo lascia sulle labbra come una scia bianca, non evidentissima ma presente. Ho così riletto l'inci e ho visto che, rispetto ad esempio a quello alla vaniglia che io adoro, in questo è presente titanium dioxite, cioè un filtro minerale: mi sono detta "poco male", in estate aiuta a proteggere dai raggi solari, quindi la cosa è, come dire, "andata a fagiuolo" vista la stagione in corso, però questo effetto non mi è piaciuto molto....

Vi do poi una chicca. Novità estiva dell'uso dei balsami labbra è stata applicarli la sera sulle sopracciglia: sì, sì avete capito bene! Siccome le sto facendo ricrescere, dopo anni di pinzette selvagge, al posto dell'olio di ricino puro (che purtroppo messo la sera poi si sparge sulla fronte durante la notte creandomi oleosità non carine sulla fronte) ho pensato di usare uno di questi balsami labbra che comunque hanno olio di ricino ai primi posti dell'inci, ma una consistenza più cerosa rispetto al semplice olio (quindi  rimane più fissa sulle sopracciglia durante la notte).
L'unica accortezza è ovviamente pulire lo stick prima di riapplicarlo sulle labbra, per una questione di igiene e per evitare proliferazioni batteriche.
L'ideale è quando un balsamo labbra sta per finirvi: l'idea di utilizzarlo sulle sopracciglia mi è venuta proprio perché avevo quasi finito quello alla vaniglia di Legami ed era rimasto del prodotto in fondo alla confezione di plastica. Costretta quindi a doverlo  prelevare con l'unghia del dito mignolo o con una spatolina, non mi piaceva  metterlo sulle labbra dopo questa operazione, così mi sono detta "proviamo a metterlo sulle sopracciglia" e ho continuato a finirlo così.
Bè, vuoi che d'estate i peli crescono di più, vuoi che forse la composizione dei balsami labbra è per certi versi efficace in questo uso,  mi sembra che le sopracciglia in questo periodo siano cresciute di più , più folte e forti.


Nessun commento