Estate essenziale 2014


Quest’estate è stata all’insegna dell’essenzialità.
Usare prodotti ecobio vuol dire anche avere un atteggiamento ecobio cioè passare dallo shopping compulsivo tipico del “passaggio” e della sperimentazione, a pochi prodotti da testare sul lungo periodo per almeno tre motivi:

-la scadenza dei prodotti è spesso di breve durata (6 mesi al massimo)
- la pelle soprattutto deve avere il tempo di abituarsi ad un prodotto e considerando che ha un ciclo vitale di 28 giorni, bisogna testare un prodotto sul lungo periodo (a meno che ci siano reazioni particolari e strane che invitino a sospendere subito un prodotto)
Il terzo motivo è stato legato proprio all’estate, nella quale spesso si è magari con la valigia e il beauty case pesa, per cui si è incentivate a scegliere pochi prodotti multifunzione.

L’estate poi invita anche a rigenerarsi, a staccare i ponti dalle solite cose e dalle solite routine, parola d’ordine svago e relax. Per questo ho voluto disintossicarmi da almeno due cose:
-l’uso della tecnologia, cioè niente facebook e internet, leggere i fatti di cronaca e politica solo dal quotidiano cartaceo e non acquistato tutti i giorni (per evitare le intossicazioni da notizie che ci invadono tra tv e social network).
-tenermi i miei difetti e fregarmene se tanto non ho trovato il prodotto miracoloso e le macchie mi sono venute nonostante la protezione solare chissenefrega meglio godersi amici, mare e vacanza anziché cercare il fondotinta coprente nascondi-imperfezioni, lasciare respirare la pelle, poterla toccare, bagnare, vivere
Alle volte lasciare un po’ la presa fa bene, spesso è difficile permetterselo, ma se ci si riesce è davvero una cura fantastica!
A breve i miei post riassuntivi dei prodotti usati negli ultimi 4 mesi.


Nessun commento